LA DIVISIONE DEL CORTILE IN COMPROPRIETA’ RIENTRA TRA LE CONTROVERSIE SOGGETTE ALLA MEDIAZIONE OBBLIGATORIA

La controversia che riguarda la divisione dell’area di un cortile che viene condiviso da più soggetti che sono titolari di abitazioni adiacenti comporta l’avvio della mediazione obbligatoria. Nella sentenza presa in causa dal Tribunale di Mantova non era stato possibile regolare l’uso dell’area comune per la presenza non regolata di veicoli in sosta che limitavano lo spazio e che quindi era motivo di forti contrasti. Il tentativo di mediazione non era andato a buon fine e gli attori chiedevano che venisse disposta la divisione dell’area comune ma ciò non poteva essere possibile perché la zona in questione non poteva essere suddivisa e perciò venne richiesto il rigetto della domanda.
Viene contestato che la zona comune in questione costituisce un cortile intendendosi con tale oltre che l’area scoperta tra corpi di fabbrica di uno o più edifici, anche i vari spazi liberi (parcheggi, aree verdi, intercapedini, zone di rispetto) disposti esternamente alle facciate dell’edificio.
Ne consegue che non si può procedere alla divisione del cortile comune perché ne mancano i presupposti: la comoda divisibilità del cortile e il consenso di tutti i componenti alla divisione nonostante la Legge prevede che tale controversia risulta soggetta al tentativo obbligatorio di mediazione. La mancata partecipazione personale delle parti e dei loro legali muniti di mancato senza una giustificazione valida è sanzionata con la condanna ad una somma pari al valore del contributo unificato della causa.
Il Tribunale di Mantova dichiara infine il rigetto della domanda di divisione e condanna gli attori a rimborsare al convenuto le spese di lite.

Potete trovare la sentenza integrale al seguente link: http://www.conciliazionecila.it/2016/12/05/la-divisione-del-cortile-comproprieta-rientra-le-controversie-soggette-alla-mediazione-obbligatoria/

11550 Totale visite 6 Visite oggi

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *